NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
facebook trasp
instagram trasp

Il progetto teatrale dell'AUSL Romagna

Il dirigibile compagnia teatrale

Il teatro fa bene a chi lo vive, e questo è un fatto comprovato.
Assistere a uno spettacolo, o ancor meglio prendervi parte, è un'esperienza che aiuta ad entrare in contatto con le nostre emozioni e ad esprimerle, esortandoci a creare un legame con altre persone e con noi stessi. Per questo da molti anni ormai si parla di efficacia terapeutica del teatro: l'atto teatrale rappresenta un fenomenale strumento di coesione sociale e scoperta personale

Già Aristotele, 2300 anni fa esprimeva il concetto di catarsi, osservando come l'arte sia uno strumento in grado di "sollevare e purificare l'animo". Più di recente, il Dottor Bernie Warren, Professore di Drammaturgia a Windsor e Drammaterapeuta, ha scritto questo:

“Alcuni autori sono arrivati a suggerire che tra arti e società esiste un legame inscindibile: perciò, la salute di una società si riflette nella sua attività artistica, e viceversa. Analogamente, si è detto che l’esercizio del diritto a produrre la propria impronta creativa può essere considerato come indice di salute dell’individuo. (...)
Insegnando alle persone a vedere ciò che le circonda, a esprimere le loro emozioni, (...) queste persone hanno maggiori opportunità di conoscere se stesse e il loro diritto di essere rispettate e di volersi bene.”1


Partendo da questi assunti fondamentali, i Dipartimenti di Salute Mentale dell'Azienda USL dell'Emilia Romagna hanno voluto sviluppare - a partire dal 2009 - un programma di valorizzazione di esperienze e produzione artistica relative alla salute mentale. Cosa significa esattamente? Significa utilizzare le straordinarie potenzialità del teatro per migliorare la qualità della vita di chi soffre di disturbi psicologici e favorire una cultura dell’integrazione e dell’emancipazione delle varie “diversità”.

Così è nato MoviMenti - Teatri della Salute, un progetto corale a cui il Centro Diego Fabbri ha aderito con entusiasmo.
L’incontro tra l'arte teatrale e la psichiatria si è rivelato fertile per entrambi i mondi e continua tuttora a dimostrarci come la salute mentale, quando si sposa alla cultura, riesca a concretizzarsi nel benessere comunitario. Proprio come proposto dagli obiettivi del progetto:

  • favorire lo scambio di esperienze e saperi, creando un ponte fra salute mentale e cultura
  • migliorare la comunicabilità delle esperienze nel campo della salute mentale
  • promuovere interventi in grado di contrastare fenomeni di cronicizzazione, immobilità e regressione negli utenti dei servizi di salute mentale
  • avviare un processo volto a consolidare una rete di relazioni positive costruite sul territorio tra le realtà che si occupano di volontariato, cultura, educazione e salute  

 

Logo Regione Emilia-Romagna       LogoAUSLdellaRomagna411     movimenti - teatri della salute

 

Grazie al supporto della Regione Emilia Romagna e alla collaborazione dell'Università di Bologna - Dipartimento Interpretazione e TraduzioneMoviMenti ha raggiunto risultati a dir poco significativi, capaci di incrementare attivamente sia il benessere degli individui che partecipano al progetto, sia quello delle rispettive collettività.
Inoltre, la sinergia delle forze e delle sensibilità messe in campo ha permesso di realizzare prodotti culturali di indubbio valore artistico, e, soprattutto, caratterizzati da una fortissima rilevanza sociale e relazionale.

Per approfondire queste tematiche, vi invitiamo ad esplorare le attività fatte finora o a scoprire tutti i prossimi appuntamenti

 

1) La citazione è tratta da "Arteterapia in educazione e riabilitazione", Erikson, 1995. 
 

 

 

Ultima modifica il Lunedì, 29 Febbraio 2016 11:54

Il Centro Diego Fabbri nasce della collaborazione di più soggetti e persone per organizzare e promuovere eventi, azioni e progetti legati ad arte e cultura. L’idea di base è anche quella di mantenere viva la lezione e l’impegno di Diego Fabbri sui temi e le questioni vitali del teatro e dei linguaggi dello spettacolo.

Il Centro Diego Fabbri è nato il 1 Giugno 2004 e vede tra i suoi soci l’Università di Bologna, la Provincia di Forlì-Cesena, il Comune di Forlì, i rappresentanti della Famiglia Fabbri e l’Associazione "Incontri Internazionali Diego Fabbri".

CONTATTI

0543.30244
Corso Diaz 34, 47121 Forlì
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
P. IVA 03556880403
C. FISC. 92056350405

  Seguici Su Facebook